1 Cause della disfunzione erettile
2 ED legati all'età
2.1 Uomini sopra i 50 anni
3 Problemi di erezione negli uomini di età compresa tra i 20 e i 40 anni
3.1 Problemi cardiovascolari
3.1.1 ED e CVD
3.1.2 Insufficienza arteriosa cavernosa
3.1.3 Fumo
3.2 Diabete mellito
3.3 Sindrome metabolica e disfunzione erettile
3.3.1 Ricerche recenti
3.4 Fattori neurogenici
3.4.1 Centro sessuale sacrale
3,5 DE indotta da ipertensione
3.6 La DE indotta dagli ormoni
3.6.1 La DE indotta dal livello di testosterone
3.7 Trattamento chirurgico
3.7.1 Prostatectomia radicale
3.8 Lesioni fisiche
3.9 Obesità e fumo
3.9.1 Fumo
3.10 Disturbi del tratto urinario inferiore
3.10.1 Ipertensione
3.11 Altri risultati

Cause della disfunzione erettile

La disfunzione erettile (di seguito indicata in forma abbreviata come "DE") può essere causata da diversi fattori. Le cause più comuni possono essere suddivise in quattro gruppi principali:

⦁ Malattie arteriose che impediscono al sistema vascolare di fornire una quantità sufficiente di sangue al pene. Si tratta di una delle principali cause somatiche della DE, che si riscontra in circa 40% dei pazienti affetti da questa patologia.
⦁ Disturbo neurologico che colpisce i nervi del pene, impedendo la normale sintesi dei trasmettitori neurali responsabili del controllo dei vasi sanguigni penieni e diminuendo la sensibilità complessiva del pene. Ciò interrompe il normale processo di erezione.
⦁ Anomalie delle vene del pene, che interrompono l'erezione sottraendo sangue al pene, che quindi non può rimanere eretto per un tempo adeguato. Ciò può essere causato da un improprio rilassamento dei seni vascolari, da anomalie della tunica o da fibrosi del muscolo corporale.
⦁ Interruzione del sistema arteriogeno, che impedisce al corpo spongioso di espandersi e di riempirsi del volume di sangue necessario.

La disfunzione erettile può essere causata anche da altre condizioni mediche. Uno degli studi più importanti sul tema ha rivelato le seguenti statistiche:
⦁ la causa più diffusa (in 90% dei pazienti che hanno partecipato allo studio) è stata l'impotenza psicologica derivante dalla depressione, che è la principale causa di disfunzione erettile negli uomini di età compresa tra i 20 e i 40 anni
⦁ 86% presentava malattie dei vasi sanguigni periferici.
⦁ 64% soffriva di diabete mellito
⦁ 61% ha avuto una malattia coronarica.
⦁ 55% ha riferito sintomi del tratto urinario
⦁ 52% aveva ipertensione

ED legata all'età

È opinione comune che la prevalenza e la gravità della disfunzione erettile siano direttamente associate all'età. Oltre all'invecchiamento generale dell'organismo, la condizione è molto spesso aggravata da una serie di condizioni che notoriamente si sviluppano con l'età, tra cui il diabete mellito, le malattie cardiovascolari, l'ipertensione, i bassi livelli di testosterone e/o gli alti livelli di colesterolo, le malattie infettive che colpiscono il tratto urinario, le malattie croniche che hanno un impatto sul sistema neurale (Alzheimer, Parkinson, ictus, ecc.) e, probabilmente, il problema più urgente di oggi: le cause psicologiche (depressione, ansia e altri fattori del genere). La disfunzione erettile può infatti essere causata da una qualsiasi delle condizioni sopra citate, da una loro combinazione e/o dall'aggravamento derivante dalla rispettiva terapia. A parte ciò, 48% dei maschi di età superiore ai 50 anni hanno avuto una disfunzione erettile indotta da circostanze fisiche e relazionali. Ciò non significa che i problemi di erezione siano inevitabili con l'età.

Uomini oltre i 50 anni

A un'età superiore ai 50 anni, la maggior parte degli uomini conserva il desiderio e l'interesse per il sesso. In questa fascia di età, la disfunzione erettile è spesso causata dall'aterosclerosi delle arterie cavernose e pudende. Come per tutti gli altri vasi sanguigni, ciò significa che il lume di un'arteria è ostruito da placche, che impediscono il flusso sanguigno in una certa misura. Le cause comuni dell'aterosclerosi sono l'aumento dei livelli di colesterolo, l'ipertensione, il diabete mellito e, in parte, il fumo. I possibili effetti patologici che si sviluppano a causa dell'influenza di questi fattori possono includere la degradazione della muscolatura liscia del pene, che influisce sulle capacità di espansione dei corpi cavernosi e provoca di conseguenza perdite venose.

Un altro fattore di rischio associato all'età e confermato da numerosi studi è la prostata. Gli uomini oltre i 50 anni spesso sviluppano una malattia chiamata "iperplasia prostatica benigna", che può essere alla base della disfunzione erettile, dell'eiaculazione complicata o dolorosa e della riduzione del desiderio sessuale. Questi sintomi possono talvolta essere contrastati con alfa-bloccanti e farmaci per la DE, come Viagra, Cialis, ecc. I sintomi tipici del disturbo prostatico possono includere sensazioni dolorose nelle rispettive aree del corpo: pelvi, scroto, perineo, basso addome, schiena, area sovrapubica e area inguinale. L'iperplasia prostatica benigna può manifestarsi anche attraverso l'urgenza e la frequenza della minzione. Un sintomo tipico è una minzione insolitamente lenta o una sensazione di bruciore durante il processo. Essendo un processo complicato, l'invecchiamento può causare anche altri fenomeni fisiologici che possono essere scambiati per sintomi di disturbi sessuali, mentre, in sostanza, si tratta di normali cambiamenti legati all'età. Ciò che conta di più in questi casi è la corretta conoscenza e comprensione di questi fenomeni da parte dell'uomo e della sua partner e il rispettivo adeguamento delle loro abitudini sessuali.

Problemi di erezione negli uomini di età compresa tra i 20 e i 40 anni

Quasi mai previsti per gli uomini tra i 20 e i 30 anni, i problemi di erezione possono essere causati anche a questa età dagli onnipresenti stress psicologici: depressione, ansia, ecc. In questo caso sono particolarmente utili i trattamenti farmaceutici per la DE come Cenforce (Sildenafil) o Eli (Tadalafil), che danno all'uomo la possibilità di riacquistare fiducia. Quando la situazione è tornata alla normalità, l'uomo può sospendere l'uso dei farmaci e continuare la sua normale vita sessuale.

Problemi cardiovascolari

L'indurimento avanzato, il restringimento e l'ostruzione dei vasi sanguigni possono essere uno dei principali fattori di disfunzione sessuale. Questo vale non solo per le arterie del pene, ma anche per i seni, i vasi iliaci, l'aorta e gli affluenti. Le malattie vascolari, che rappresentano circa il 40% di tutti i fattori, sono un'altra causa comune di disfunzione erettile negli uomini di età compresa tra i 30 e i 40 anni. Una condizione comune negli uomini che soffrono di disfunzione erettile (17%) è l'aterosclerosi, l'intasamento delle arterie con placche che contengono sostanze grasse, colesterolo e cellule che assorbono i grassi, note come lipofagi. Una quantità eccessiva di tali placche può ostruire o bloccare del tutto un vaso sanguigno. L'aterosclerosi è una delle cosiddette malattie legate allo stile di vita, in quanto è causata dal fumo e dall'aumento dei livelli ematici di lipidi, in particolare di colesterolo a bassa densità e trigliceridi. Altre cause sono l'obesità e il diabete mellito. L'erezione si deteriora quindi insieme al flusso sanguigno nella zona del pene. I seni vascolari contratti impediscono la compressione delle venule contro la tunica, causando perdite venose e rendendo difficile il mantenimento dell'erezione.

ED e CVD

La disfunzione erettile può essere direttamente associata a malattie cardiovascolari. La disfunzione erettile può essere un'indicazione indiretta di una patologia cardiaca, come la cardiopatia ischemica, che non si è ancora manifestata in modo più evidente. Può manifestarsi mesi o addirittura anni prima di altri sintomi più gravi. Per questo motivo i medici spesso sottopongono i pazienti affetti da DE a un esame cardiovascolare oltre che al trattamento vero e proprio. A questo proposito, possiamo ricordare l'elegante idea di paragonare il pene a una sorta di barometro, che riflette in qualche modo le condizioni del sistema vascolare. Tali preoccupazioni sono particolarmente rilevanti quando si ha a che fare con fattori come l'obesità, il diabete mellito, l'aumento dei lipidi nel sangue e il fumo, poiché questi fattori favoriscono sia la DE che i disturbi cardiaci. I pazienti con un solo vaso sanguigno ostruito a causa di una cardiopatia ischemica di solito hanno più facilità a raggiungere l'erezione rispetto a quelli con più vasi colpiti.

Insufficienza arteriosa cavernosa

L'insufficienza delle arterie cavernose comporta un rischio elevato di malattia coronarica. Essendo una patologia complessa, l'aterosclerosi presenta una serie di altri fattori associati. A livello enzimatico, possiamo citare l'ossido nitrico sintasi endoteliale, un enzima che sintetizza l'ossido nitrico elaborando l'ossigeno e la L-arginina quando una persona è sessualmente eccitata, nonché livelli eccessivi di radicali liberi e abbondanza di omocisteina nelle placche vascolari. La disfunzione erettile può dipendere da uno qualsiasi di questi fattori o da una loro combinazione. Studi approfonditi degli ultimi tempi rivelano che la carenza di ossido nitrico sintasi nei nervi nitrergici è un'altra possibile ragione della disfunzione sessuale. Altre malattie cardiovascolari legate alla DE includono, senza limitazioni, l'insufficienza cardiaca congestizia e l'aneurisma aortico. Uno studio dedicato alle malattie vascolari extragenitali, che ha coinvolto un totale di 457 pazienti con problemi di erezione, ha identificato l'insufficienza dell'arteria peniena in circa 25% della popolazione dello studio, e 75% di quelli affetti presentavano anche aterosclerosi peniena, carotidea o degli arti inferiori. Questa è un'altra prova dell'interrelazione tra i cambiamenti vascolari nell'organismo in generale e le arterie del pene in particolare. Un altro studio recente, condotto in Italia, ha invece identificato l'età, il diabete e le arterie coronarie come fattori indipendenti della disfunzione erettile. I risultati hanno associato la condizione alla malattia coronarica. Inoltre, la DE è stata segnalata in pazienti con sindromi coronariche acute e si presume che sia un sintomo di aterosclerosi diffusa/coronarica.

Il fumo

Un altro studio ha identificato il fumo come uno dei tre fattori più comuni che causano la DE, mentre gli altri due sono l'obesità e l'ipertensione. Gli uomini affetti da disfunzione erettile presentavano anche sintomi di insufficienza arteriosa, scarso flusso sanguigno e malattia coronarica, circa 40% del gruppo. Il diabete è stato segnalato in 23,3% di questi uomini. La malattia occlusiva venosa è stata segnalata anche in presenza di ipertensione in 36,5% del gruppo. La probabilità di un disturbo dei parametri del flusso sanguigno è aumentata con la quantità di fattori di rischio di malattia vascolare presenti.

Diabete mellito

La prevalenza della disfunzione erettile nei pazienti con diabete, secondo diversi studi, va da 30 a 75%. A loro volta, altri studi riportano che circa 1 uomo su 4 con disfunzione erettile è affetto da diabete. Alcuni risultati collocano il disturbo erettile tra i primi sintomi del diabete. Uno studio che ha coinvolto un certo numero di pazienti con diabete mellito ha anche mostrato che circa 50% hanno riferito una DE entro 10 anni dalla diagnosi iniziale di DM. Le disfunzioni sessuali nei pazienti con diabete mellito dipendono anche dall'età del paziente. La prevalenza della DE varia da circa 15% negli uomini di età compresa tra 30 e 34 anni a 55% nella fascia di età di 60 anni e oltre. Allo stesso tempo, il diabete di tipo 2, prevalente nella fascia di popolazione più anziana e associato alla resistenza all'insulina, è stato identificato come causa di disfunzione erettile più spesso del diabete di tipo 1. Un recente studio ha prodotto risultati unici, che ha coinvolto 401 uomini con disfunzione erettile senza trattamento, osservati per un periodo di 9-15 anni. La condizione è progredita in circa 33% degli uomini con DE classificata come moderata o minima, mentre la percentuale di recupero completo è stata di 32% per gli uomini con sintomi minimi, 14% per il gruppo con sintomi moderati e 31% di uomini con disfunzione erettile completa. La remissione della disfunzione erettile e l'impedimento della sua progressione erano per lo più subordinati alla perdita di peso, alla cessazione del fumo e al miglioramento della salute generale.

Sindrome metabolica e disfunzione erettile

Secondo le conclusioni degli esperti del National Institute of Health del 2001, i seguenti risultati clinici sono indicativi della sindrome metabolica:

⦁ Livelli di trigliceridi superiori a 150 mg/dL
⦁ Pressione arteriosa sistolica superiore a 130 mmHg e pressione arteriosa diastolica superiore a 85 mmHg, o uso di farmaci antipertensivi.
⦁ Livelli di colesterolo HDL inferiori a 40 mg/dL o utilizzo di farmaci per la riduzione dei lipidi.
⦁ Circonferenza vita superiore a 40 pollici / 100 centimetri.
⦁ Diabete autodichiarato

I risultati degli esperti definiscono la sindrome metabolica come un precursore delle malattie cardiovascolari. Oltre a ciò, è stato riscontrato che circa 43% di loro presentavano disfunzione erettile, rispetto a soli 24% di quelli con maggiore resistenza all'insulina. Gli uomini più giovani che lamentano disfunzione erettile ma non presentano altri sintomi clinici possono essere esaminati per individuare precocemente una potenziale sindrome metabolica, che può ridurre il rischio di CVD e disfunzione endoteliale in età più avanzata.

Studi recenti

I risultati di un recente studio rafforzano queste conclusioni, avendo dimostrato che la disfunzione erettile può anticipare la manifestazione della sindrome metabolica tra gli uomini con un indice di massa corporea inferiore a 25. Si tratta di una scoperta importante, che riconosce nella DE un'opportunità diagnostica precoce che consente di intervenire tempestivamente. Si tratta di una scoperta importante, che riconosce nella DE un'opportunità di diagnosi precoce che consente di intervenire tempestivamente. È particolarmente utile per gli uomini di età avanzata con disfunzione erettile causata da un basso indice di massa corporea, poiché corrono un rischio maggiore di sviluppare la sindrome metabolica e altre malattie cardiovascolari che possono derivarne.

Fattori neurogenici

Secondo diverse osservazioni, circa 10 - 20% casi di disfunzione erettile sono causati principalmente da condizioni neurologiche. I disturbi del sistema nervoso, estremamente complesso, possono influenzare le parti del cervello legate al sesso, così come altre parti e organi: ipotalamo, midollo spinale, ghiandola pituitaria e nervi periferici. Tutti questi elementi contribuiscono alla funzione sessuale complessiva dell'organismo. Un esempio è rappresentato da una lesione cerebrale che, oltre ad altre gravi conseguenze, può compromettere la sintesi dei neurotrasmettitori vitali ossitocina e dopamina e inibire la trasmissione degli impulsi neurali dai centri sessuali del cervello ai nervi dell'area peniena attraverso la colonna vertebrale. La malattia di Alzheimer, la sclerosi multipla di Parkinson, le lesioni, le infezioni, l'ictus, l'epilessia e i tumori possono causare tali lesioni. Gli aspetti psicogeni e riflessogeni dell'erezione possono essere interrotti da lesioni del midollo spinale dovute a tumori, lesioni, infezioni, neuropatia diabetica, ernia discale, sclerosi multipla o neurosifilide. Il conseguente disturbo del feedback neurale può anche causare l'incapacità di provare piacere dal sesso e rendere impossibile l'orgasmo e l'eiaculazione. Tutti questi tipi di disturbi interferiscono con la trasmissione degli impulsi sensoriali dal pene al cervello e con gli stimoli motori trasmessi nella direzione opposta.

Centro sessuale sacrale

La gravità della condizione dipende in larga misura dall'estensione e dal livello della lesione sottostante, soprattutto se colpisce il centro sessuale secondario nella regione sacrale della colonna vertebrale. Un'afflizione patologica del centro sessuale sacrale può interrompere l'erezione sia psicogena che riflessogena. La perdita di sensibilità e la conseguente disfunzione erettile possono essere causate anche da lesioni dei nervi nella zona peniena e pelvica che interrompono il viaggio degli impulsi neurali da e verso il pene. Le lesioni del midollo spinale che causano tetraplegia e paraplegia consentono comunque l'attività sessuale a circa 70%, e circa 70% di loro utilizzano forme alternative di espressione sessuale, ad esempio la stimolazione genitale e orale. Un altro studio ha rilevato che le lesioni spinali al di sopra delle vertebre sacrali consentono ancora a circa 95% di questa popolazione di pazienti di avere erezioni riflessogene. Circa 25% di uomini con lesioni sacrali parziali mantengono la capacità di mantenere erezioni psicogene. Le lesioni incomplete influenzano il potenziale erettile in misura considerevole: sebbene la maggior parte dei pazienti di questo gruppo possa avere un'erezione, questa è breve e imprevedibile, con conseguente eiaculazione insoddisfacente e funzione sessuale ostacolata.

DE indotta da ipertensione

Recenti studi epidemiologici hanno confermato l'esistenza di un'associazione tra le cause della disfunzione erettile e l'ipertensione. Studi precedenti hanno rilevato che la percentuale di pazienti con ipertensione non trattata che riferivano anche una disfunzione erettile alla prima diagnosi di aumento della pressione sanguigna era dell'8-10%. Studi più recenti, tuttavia, hanno rivelato una prevalenza notevolmente più elevata, compresa tra 26% e 41%. La proliferazione e le dimensioni della muscolatura liscia possono essere compromesse a causa di cambiamenti negativi nei tessuti dei corpi cavernosi, causati dal danno indotto dall'ipertensione all'epitelio vascolare delle arterie peniene. Altre conseguenze sono l'iperattivazione del sistema nervoso e l'aumento della fibrosi anelastica e del collagene. Oltre a ciò, questa condizione è potenzialmente dannosa per la capacità dei vasi sanguigni del pene di dilatarsi e rilassarsi, condizione necessaria per garantire il flusso sanguigno e, rispettivamente, necessaria per l'erezione.

Inoltre, sono stati riscontrati bassi livelli sierici di testosterone in alcuni uomini affetti da DE in giovane età. Ciò potrebbe ostacolare la secrezione di ossido nitrico e rendere il tessuto meno reattivo alla sua azione, contribuendo potenzialmente all'aspetto psicologico della disfunzione sessuale dovuta all'ansia. Un'altra preoccupazione è che alcuni dei farmaci utilizzati per trattare l'ipertensione possano aggravare i problemi sessuali del paziente. Alcuni di questi farmaci agiscono come beta-bloccanti, noti per abbassare la libido e causare disfunzione erettile. In genere, ciò avviene a causa della costrizione delle arterie peniene indotta dal farmaco. L'effetto anti-androgeno insito in alcuni farmaci può anche ostacolare il desiderio sessuale, con conseguenze negative sulla qualità dell'erezione.

DE indotta da ormoni

L'"ormone maschile" testosterone è noto per influenzare lo sviluppo del sistema riproduttivo maschile e dei caratteri sessuali secondari. Oltre a essere fondamentale per la capacità di provare eccitazione sessuale, il testosterone (in particolare la sua forma sierica biodisponibile) è necessario anche per garantire il corretto funzionamento degli organi riproduttivi maschili. L'importanza del testosterone non si limita ai soli organi sessuali, poiché contribuisce a regolare le secrezioni di neurotrasmettitori nel cervello e nel midollo spinale. Nonostante queste considerazioni, la correlazione tra i livelli di testosterone e la disfunzione erettile è ancora oggetto di discussione. Esistono prove cliniche e sperimentali a sostegno della tesi che un uomo deve avere un livello di testosterone sufficiente per mantenere un normale funzionamento sessuale. Un recente studio clinico sui livelli complessivi di testosterone nei soggetti di sesso maschile riporta che circa 5% di pazienti con disfunzione erettile hanno bassi livelli ormonali, mentre bassi livelli di testosterone libero sono riportati in circa 18%.

Si suppone che il testosterone faciliti l'erezione dilatando i seni vascolari e le arteriole del pene. Tuttavia, il suo effetto sulla disfunzione erettile è ancora oggetto di dibattito. Circa il 6% dei casi di DE potrebbe essere attribuito a livelli sierici elevati dell'ormone ipofisario prolattina, che spesso è dovuto a un basso livello di testosterone. L'effetto degli ormoni sessuali sulla disfunzione erettile è stato studiato nell'ambito del Massachusetts Male Aging Study, che ha rilevato che circa 40-70% dei 1519 maschi coinvolti erano effettivamente al livello di base. Non è stato identificato alcun legame tra la disfunzione erettile negli uomini di età compresa tra i 20 e i 30 anni e fattori come il testosterone biodisponibile, il testosterone totale e la globulina sierica legante gli ormoni. In alcuni casi, tuttavia, i ricercatori hanno evidenziato che bassi livelli di testosterone sierico comportavano una riduzione del desiderio sessuale.

DE indotta dal livello di testosterone

Gli uomini con una quantità insufficiente di testosterone libero di solito ricorrono a un'integrazione ormonale per riportare l'attività sessuale a un livello normale. Le iniezioni intramuscolari di testosterone, tuttavia, possono causare una risposta negativa negli uomini anziani con problemi di DE e bassi livelli di testosterone. Il problema è che l'ormone iniettato si lega alle proteine del sangue e diminuisce la parte libera, provocando un rapido aumento del testosterone sierico in sole 72 ore, che poi diminuisce gradualmente nelle 2-3 settimane successive. Oggi esistono diversi mezzi in grado di riportare il testosterone sierico al livello normale entro 24-72 ore, come gel, cerotti o farmaci perorali. Le iniezioni di testosterone possono talvolta ripristinare la capacità erettile, anche negli uomini che hanno perso i testicoli prima della pubertà. Sebbene alcuni uomini castrati siano in grado di raggiungere e mantenere erezioni occasionali senza una terapia di integrazione di testosterone, questo non è il caso della maggior parte di loro. Anche gli ormoni tiroidei, una componente vitale di un ambiente ormonale normale, possono essere importanti per il funzionamento sessuale complessivo. La disfunzione erettile e la riduzione del desiderio sessuale possono essere causate, oltre che da altri fattori, anche da una produzione eccessiva (ipertiroidismo) o insufficiente di ormoni da parte della ghiandola tiroidea.

Chirurgia

Le disfunzioni sessuali possono essere causate da interventi chirurgici al bacino, al retto o ai genitali interni, sia negli uomini che nelle donne. Ciò dipende dall'esatto tipo di intervento chirurgico a cui il paziente si sottopone in ciascun caso specifico. L'orchiectomia bilaterale, ad esempio, è la causa più frequente di disfunzione erettile, poiché richiede l'asportazione dei testicoli per il trattamento del cancro alla prostata e quindi abbassa il livello di testosterone nel soggetto castrato. La disfunzione sessuale può essere causata anche dalla lesione o dalla perdita dei vasi sanguigni o dei nervi che partecipano al processo erettile, per esempio quelli dell'area retroperitoneale, proprio sotto la cavità addominale. Altri interventi chirurgici che comportano il rischio di disfunzione erettile sono l'estirpazione di un aneurisma addominale, che si riferisce a una protuberanza anomala della parete arteriosa, o un intervento chirurgico eseguito sul midollo spinale. Anche la prostatectomia radicale, cioè l'asportazione della prostata cancerosa, causa disfunzione erettile. Anche altre manipolazioni chirurgiche, per esempio la prostatectomia semplice per l'iperplasia prostatica benigna, la chirurgia della vescica neurogena e la chirurgia radicale per il cancro del retto, possono favorire lo sviluppo della disfunzione erettile e di altre condizioni sessuali.

Prostatectomia radicale

La probabilità di DE post-operatoria dopo prostatectomia radicale varia tra 20% e 100%, a seconda dell'età e delle capacità erettili prima dell'intervento. Le probabilità possono essere migliorate grazie alla conservazione chirurgica del nervo che attiva l'afflusso di sangue al pene e all'esperienza complessiva del chirurgo. Inoltre, alcuni pazienti possono sviluppare incontinenza al raggiungimento dell'orgasmo, con conseguente imbarazzo e riluttanza a praticare qualsiasi tipo di attività sessuale. Il ritorno alla normalità delle capacità erettili dopo la prostatectomia radicale può essere influenzato da alcuni farmaci per la DE come Cialis, Viagra e Levitra. Un'altra opzione è l'uso di iniezioni di prostaglandina El, inserti intrauretrali o una combinazione di questi metodi. Dal punto di vista psicologico, l'inadeguatezza del desiderio o dell'interesse per il sesso della partner sessuale del paziente può scatenare disturbi psicogeni, tra cui la depressione. Il tasso di recupero erettile complessivo nei pazienti sottoposti a chirurgia bilaterale è stato compreso tra 32% e 80%, secondo il follow-up di questi pazienti per 2-4 anni dopo l'intervento.

Lesioni fisiche

La disfunzione erettile può essere causata o aggravata da un trauma fisico dei nervi pelvici o del pene, provocato da un incidente stradale, da una ferita da arma da fuoco, da una caduta o da una frattura pelvica. L'interruzione del flusso sanguigno nei vasi penieni può anche essere la conseguenza di un trauma subito in età adolescenziale. Tali lesioni derivano, ad esempio, da una brutta caduta in bicicletta, quando l'inguine viene colpito dalla traversa della bicicletta.

Obesità e fumo

La disfunzione erettile è spesso associata all'obesità dovuta a scarsa attività fisica, alimentazione eccessiva e stile di vita sedentario, oltre che al fumo. Una dieta sana ed equilibrata, l'esercizio fisico regolare e l'abbandono del fumo sono sufficienti a garantire il recupero in circa 30% dei casi. Secondo lo studio in questione, la perdita di peso è un fattore benefico per il ripristino della funzione sessuale anche senza una terapia aggiuntiva. Livelli elevati di colesterolo nel siero sono stati riscontrati in 26% pazienti con DE. Con la diagnosi concomitante di ipertensione, tuttavia, questa percentuale sale al 40-80. Non è ancora noto come i livelli sierici più elevati contribuiscano esattamente al deterioramento della funzione sessuale. Le poche teorie esistenti al riguardo si basano su esperimenti condotti su ratti e conigli. La maggior parte delle teorie accentua lo scarso rilassamento endotelio-dipendente del letto vascolare, l'accumulo di lipidi a bassa densità nelle placche, l'intasamento delle arterie peniene e la maggiore concentrazione di cellule muscolari lisce. Altri fattori includono cambiamenti neurologici e vascolari sull'atrofia e la diminuzione delle dimensioni e del numero di assoni, la degenerazione delle cellule lisce cavernose, nonché la perdita del fattore di crescita dell'endotelio vascolare.

Il fumo

È stata identificata una relazione diretta tra la durata del fumo e il numero di sigarette fumate dal paziente e la disfunzione erettile, il suo sviluppo e la sua gravità. Il deficit di rilassamento muscolare endotelio-dipendente nella vascolarizzazione peniena è un altro fattore che contribuisce alla disfunzione erettile. Anche la scarsa rigidità in caso di erezioni notturne e il restringimento delle arterie pudende sono tra i possibili fattori. Anche i fumatori hanno un'erezione compromessa dal danno endoteliale, dall'alterazione del funzionamento autonomo e dal vasospasmo delle arterie peniene.

Disturbi del tratto urinario inferiore

L'ingrossamento benigno (non canceroso) della prostata può esercitare una pressione sull'uretra o sul canale urinario. Altre manifestazioni di questo problema sono l'urgenza di urinare, l'esitazione, il flusso lento, lo svuotamento incompleto della vescica e il gocciolamento post minzione. È noto che l'IPB nei pazienti di età superiore ai 50 anni causa anche incontinenza nel 40-50% dei casi. Questi sintomi, piuttosto fastidiosi, sono noti per deteriorare la qualità della vita di questi pazienti. Il disturbo del tratto urinario inferiore è stato identificato come causa di disfunzione erettile nei maschi di età compresa tra i 20 e i 30 anni in studi recenti, ma in questo caso dipende dalla gravità. Anche le eiaculazioni dolorose e l'incompetenza eiaculatoria sono state identificate come correlate a questa condizione. Uno studio approfondito su oltre 12.000 uomini di età compresa tra i 50 e gli 80 anni indica che la progressione dei disturbi eiaculatori e della disfunzione erettile è fortemente influenzata dalla gravità dei sintomi urinari, senza considerare l'età e altri fattori di rischio. In attesa di conferma, diverse teorie più recenti associano i sintomi sessuali e urinari all'iperattività del sistema nervoso simpatico del pene e della prostata, che causa la contrazione della muscolatura liscia e delle arterie peniene. Negli ultimi anni la Rho-chinasi ha attirato l'attenzione dei ricercatori sui sintomi del tratto urinario inferiore e sulla disfunzione erettile. Si tratta di un enzima responsabile dell'influenza su una serie di processi cellulari, tra cui la contrazione della muscolatura liscia.

Ipertensione

Alcuni farmaci prescritti come terapia per i sintomi urinari possono influenzare la funzione sessuale e quindi essere una delle cause della disfunzione erettile. Il desiderio sessuale è ostacolato dalle 5-alfa-reduttasi come Avodart e Proscar, ad esempio. Gli effetti collaterali di questi farmaci comprendono anche la riduzione della potenza, il calo del desiderio sessuale e l'inibizione dell'eiaculazione. I farmaci alfa-bloccanti (come il Flomax) possono causare problemi eiaculatori, segnalati da circa 30% dei pazienti che assumono farmaci simili. Presumibilmente, ciò è dovuto all'influenza inibitoria del farmaco sui dotti spermatici e sulle vescicole seminali. I sintomi sessuali e urinari possono essere alleviati dagli alfa-bloccanti uroselettivi inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5, come Uro-Xatral e Flomax. Va notato che, secondo un'avvertenza emessa dalla FDA statunitense, l'assunzione di Viagra, Cenforce, Sildamax o di qualsiasi altro farmaco per la DE con il sildenafil come principio attivo deve essere evitata entro quattro ore dall'assunzione di qualsiasi alfa-bloccante. Alcuni studi clinici, tuttavia, confermano che non ci sono effetti collaterali pericolosi associati alla combinazione di Flomax e Cialis o Uro-Xatral e Cialis per il trattamento della disfunzione erettile e dei sintomi del tratto urinario inferiore.

Altri risultati

L'applicazione della tunica cuneiforme può spesso produrre risultati positivi in situazioni in cui le cause della disfunzione erettile (impotenza) sono sconosciute, la curvatura del pene è inferiore a 60° e la penetrazione è difficile, ma il pene è di lunghezza normale. L'incisione della placca e l'innesto di materiale naturale o sintetico possono essere d'aiuto se il pene è piccolo e la sua curvatura è superiore a 60°. Un altro studio recente ha scoperto che le cicatrici non palpabili sul setto del pene possono essere dovute alla malattia di Peyronie.

Selezionare la valuta
it_ITItalian